Un social network a tempo per Iphone

Apple ha brevettato una nuova tecnologia di social networking per iphone.

Questa tecnologia ( iGroup)  presenta molte caratteristiche interessanti.

Le comunicazioni basate  su questa tecnologia saranno location-aware, ossia sfrutteranno la conoscenza del luogo in cui ci si trova. In questo modo gli utenti potranno avviare una rete temporanea sociale che consentirà l’utilizzo  di videoconferenza, chat vocale e testuale e scambio di file / biglietti da visita.

Il social network temporaneo sarà utile per gruppi chiusi, e permetterà agli utenti di vedere quali altri utenti sono nelle vicinanze, grazie alla tecnologia di localizzazione basata sul GPS.

L’idea è quella di consentire a gruppi di amici o colleghi di partecipare a manifestazioni, quali un concerto, una fiera, incontri d’affari, un matrimonio o un comizio e di rimanere in comunicazione come un gruppo e condividere informazioni o emozioni sugli eventi mentre accadono.

La tecnologia iGroup si basa su un sistema di generazione di chiavi crittografiche, che genera “token” per garantire la sicurezza e la riservatezza delle comunicazioni e, al tempo stesso, consente a telefoni senza tecnologia GPS di riconoscere la posizione utilizzando una tecnologia “virtuale” GPS.

Il token sarà anonimo, e non potrà essere utilizzato per identificare un particolare dispositivo o il suo proprietario, a meno che non faccia parte del gruppo chiuso. I token verranno  analizzati dal servizio per fornire informazioni tramite time-stamp e ubicazione geografica.

Dopo l’analisi, gli utenti potranno unirsi al gruppo.

L’applicazione iGROUP sarà sostenuta dalla prossima release 4.0 del sistema operativo per l’iPhone (prevista a giugno).

Per maggiori informazioni, Questo è il link presso l’US Patent & Trademark Office.

Da Thinkdigit

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Share

Altri articoli sull'argomento:

  1. Arriva l’iPad: 7 applicazioni per i social network
  2. McDonald’s e il Social Media Chief
  3. Alla scoperta dei social network: da che parte sta Tripadvisor
  4. Social network: attenzione agli effetti collaterali
  5. Alla scoperta dei social network: Google Buzz