Stanco della tua reputazione su Facebook? La scelta di “suicidarsi”

Stanco della tua reputazione su Facebook? La scelta di “suicidarsi”

E’ la proposta di Les Liens Invisibles (Le Connessioni Invisibili).

Tramite il loro servizio, ospitato sul sito Seppukoo.com permettono il suicidio virtuale della propria identità su Facebook.
In cosa consiste questa proposta?

L’idea è quella di aiutare gli utenti di Facebook a cancellarsi dal noto sito di social network.

Rispetto alla cancellazione ordinaria però l’idea è quella di farlo seguendo una procedura “ritualizzata”.

Da qui il nome di seppukoo che richiama il suicidio rituale dei samurai giapponesi. Il termine seppuku in Italia è meno noto della parola harakiri (o anche karakiri) che da noi viene usata più spesso per intendere il suicidio rituale.

Gli autori di Seppukoo invitano a liberarsi dalle costrizioni legate all’identità su Facebook dandogli un taglio netto tramite la disabilitazione guidata del proprio profilo e alla creazione di una pagina web per essere ricordato con il proprio biglietto di addio che viene spedito al network di amici.

Giocando con le parole si tratterebbe non solo di un suicidio virtuale, ma anche di un suicidio virale perché, l’utente che si suicida acquista un punteggio in base al numero di amici che decide di imitare il suo gesto.

“Induci i tuoi amici a suicidarsi e scalerai la classifica di Seppukoo“ è il messaggio.

Tuttavia è necessario ricordate che Facebook non offre del tutto la facoltà di suicidarsi e infatti per questo motivo gli account vengono solamente disattivati.

Facebook continua a conservare tutte le informazioni che riguardano gli utenti e per questo motivo, per chi lo volesse, resterebbe la facoltà di tornare alla propria vita virtuale dopo il suicidio virtuale.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Share

Altri articoli sull'argomento:

  1. Non vuoi che tutti i tuoi dati su Facebook siano pubblici? Comincia a cliccare.
  2. Facebook provoca la sifilide?
  3. Social network: attenzione agli effetti collaterali
  4. Il narcisismo su Facebook
  5. L’amicizia su Facebook