L’accesso veloce ad Internet è un diritto (in Finlandia)

L’accesso veloce ad Internet è un diritto (in Finlandia)

In Finlandia l’accesso a Internet è diventato un diritto per ognuno dei suoi cittadini.

In base alla legge in vigore dal 1 ° luglio, la Finlandia è diventata il primo paese al mondo a dichiarare che ogni cittadino deve avere il diritto di accedere a una connessione di almeno 1Mbps (megabit per secondo).

Ha inoltre indicato che tale connessione minima dovrà essere di 100 Mbps entro il 2015.

Il ministro finlandese della comunicazione ha dichiarato: “D’ora in poi una connessione a banda larga a prezzi ragionevoli sarà un diritto fondamentale di tutti in Finlandia.”

Promesse di questo genere sono già state fatte da altri.

Per una volta non infieriamo sugli investimenti tecnologici in Italia. Spostiamo l’attenzione su un altro paese.

Per esempio, nel Regno Unito sono state già fatte promesse simili: il precedente governo laburista aveva promesso una connessione minima di almeno 2Mbps per tutte le case entro il 2012.

I laburisti insistevano per cercare i fondi necessari nelle pieghe dei bilanci (riferendosi ai soldi risparmiati nel passaggio al digitale della BBC). I conservatori spingevano per uno sviluppo del mercato privato.

La retorica politica non ha però prodotto grandi risultati e non è stato affrontato concretamente il problema di fornire connessioni a banda larga decenti per le comunità rurali.

Cosa succederà in Finlandia?

In Finlandia le stime dicono che circa il 96 per cento della popolazione è già online e solo circa 4.000 case dovranno essere collegate per rispettare la legge.

Direi che in questo caso c’è da essere ottimisti.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Share

Altri articoli sull'argomento:

  1. Indagine sui consumatori italiani e internet.
  2. Il diritto di dimenticare