La nostra pizza sembra di cartone

La nostra pizza sembra di cartone

Nelle vicinanze di Detroit non c’è solo la Chrysler ad avere il problema di reinventarsi e rinnovare i propri prodotti.

Domino’s Pizza è una catena di pizzerie la cui sede centrale è in Michigan a 60 km da Detroit.

Tanto per dare un’idea della sua dimensione, basti sapere che è presente in 60 nazioni e lo scorso anno ha venduto circa 400 milioni di pizze (400.000.000 !).

Proprio l’anno scorso, Domino’s Pizza dovette affrontare un grosso problema di reputazione online.

Un paio di dipendenti idioti aveva pubblicato su YouTube un video alquanto disgustoso che probabilmente a loro era sembrato divertente. Nel video uno dei due si infilava pezzi di formaggio nel naso prima di guarnire le pizze, starnutiva su alcuni alimenti, lavava le pentole con una spugna dopo essersela passata sulle natiche ed è meglio omettere altri particolari.

Contemporaneamente il suo collega che riprendeva con la telecamera ne commentava le prodezze e parlava di “ingredienti speciali”.

Il loro filmato, grazie alle notizie rimbalzate su Internet, ebbe un successo inaspettato e prima che fosse rimosso da YouTube era già stato visto più di un milione di volte.

In quei giorni su Google, digitando il nome dell’azienda, appariva in prima pagina il collegamento al filmato.

Ovviamente i due furono immediatamente licenziati ma la percezione della qualità dei prodotti era stata ormai danneggiata.

L’azienda tentò di risolvere il problema tramite lo stesso YouTube diffondendo un filmato nel quale il presidente si scusava con i clienti e tramite Twitter diffondendo notizie su come Domino’s stava gestendo la vicenda.

Questa fu l’ennesima dimostrazione di come:

1 – anche le notizie dei fatti più stupidi possono diffondersi rapidamente tramite internet

2 – i danni che possono essere arrecati alla reputazione di un’azienda e dei suoi prodotti.

Pare che oggi alla Domino’s abbiano imparato la lezione. Da qualche settimana infatti hanno iniziato a sfruttare il web per una campagna “autodistruttiva”.

La nuova campagna, avviata ovviamente su YouTube, denigra esplicitamente il proprio prodotto riportando alcune lamentele dei clienti (tra queste “la crosta di Domino’s Pizza è come di cartone“).

Il filmato va poi ad annunciare la nuova formula della pizza, tra cui la nuova crosta, più formaggio e salse migliori.

Insomma: se proprio devo essere sbugiardato su Internet, tanto valo che lo faccia da solo e che ne sfrutti gli effetti.

E, a leggere i commenti, pare proprio che questa strategia stia avendo successo.

Questo è il filmato.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Share

Altri articoli sull'argomento:

  1. Alla scoperta dei social network: da che parte sta Tripadvisor
  2. Fare come la Repubblica Popolare Cinese ?
  3. Ti fidi dei tuoi collaboratori? I 5 motivi per bloccare l’accesso a Facebook
  4. Consumatori, cattive recensioni e…denunce
  5. Attenti all’ “Effetto Streisand”