Il 31 maggio 2010: il giorno che abbandonammo Facebook

Il 31 maggio 2010: il giorno che abbandonammo Facebook

Sarà questo che scriveremo fra qualche anno?

Io non ci scommetterei un soldo, tuttavia c’è chi sul web sta facendo un certo rumore con questa iniziativa: signore e signori è  stato ufficialmente dichiarato il QuitFacebookDay!

Il giorno in cui si propone di abbandonare Facebook, per chi vuole starci, è il 31 maggio 2010.

I sostenitori dell’iniziativa dicono “Stiamo per abbandonare Facebook. Se anche tu pensi che Facebook non rispetti nè te, nè i tuoi dati personali e neanche il futuro del web, dovresti unirti a noi”.

Al momento 3543 persone hanno deciso di aderire all’iniziativa; sono solo una piccola frazione dei milioni di utenti di Facebook, però sono in (lenta) crescita.

Ironicamente, è stato creato anche un gruppo su Facebook per pubblicizzare l’abbandono in massa.

Sul sito QuitFacebookDay sono indicate anche alcune alternative a Facebook.

Per alcuni viene consigliata una combinazione di servizi come l’email, Twitter e Flickr (“potrebbe funzionare”). Per altri, un’opzione alternativa potrebbe essere un gruppo Ning o un sito specializzato Akoha.

Poiché in Brasile la maggioranza della popolazione usa Orkut, questo sito viene indicato come una speranza per trovare una nuova casa sul web.

Wired, ReadWriteWeb e altri siti hanno più volte parlato sollecitato la necessità di una alternativa open a Facebook, e gli autori di QuitFacebook sono entusiasti del potenziale del progetto Diaspora.

E per chi rischiasse di dimenticare il gran giorno, c’è anche un reminder automatico che ti ricorderà di staccare la spina alla tua utenza su Facebook.

E naturalmente gli autori del sito (@mmilan e @josephdee) giurano che non faranno nessun uso di questi indirizzi email.

Dove ho già sentito questa promessa?

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Share

Altri articoli sull'argomento:

  1. 28 gennaio 2010 – Data Privacy Day
  2. Facebook e la persuasione di massa
  3. Tutti i numeri di Facebook.
  4. Stanco della tua reputazione su Facebook? La scelta di “suicidarsi”
  5. Quando Facebook è veramente sociale: gli allarmi AMBER e la sicurezza dei bambini.