GialloZafferano.it

GialloZafferano.it

Quella che segue è una breve intervista fatta via mail a Francesco, co-fondatore, organizzatore e tuttofare di Giallo Zafferano, il primo sito di cucina italiano. Di più, un’azienda in rete che produce profitti. Mi sembra interessante riportare le risposte per intero. Perché Giallo Zafferano è un esempio di eccellenza che dimostra come la rete possa realmente offrire grandi opportunità a chi ha le idee e la voglia di fare e, magari, non tanti mezzi a disposizione.

Buona lettura!

1. Come e quando è nata l’idea di Giallo Zafferano? Qual’ è l’obiettivo che vi prefiggete?

GZ nasce come idea il 6/6/06, data abbastanza particolare, mentre la prima uscita reale sul web è stata nel settembre del 2006. In pratica nasce dall’unione di alcune passioni, io ero il creatore di un altro sito molto conosciuto nell’ambiente dei commercialisti, sito importante ma che non mi divertiva dal punto di vista marketing, troppo serio e serioso. Sonia era una amante della cucina con qualche esperienza anche di carattere professionale mentre Julien collabora con me da ormai 7/8 anni e si occupa materialmente di scrivere il codice. Insieme abbiamo fuso le nostre conoscenze, aggiungendo un bel po’ di studi SEO per essere ottimamente indicizzati. L’obiettivo era di diventare il primo sito di cucina in Italia (fatto), di poter guadagnare da questa attività ( fatto); si dice che l’appetito vien mangiando e in effetti ad oggi abbiamo realizzato molto di più di quanto pensato all’inizio.

2. Quante persone siete e come siete organizzati?  Vi ci dedicate tutti a tempo pieno o solo nel tempo libero da altre attività lavorative?

Fondamentale è stata l’entrata in società del gruppo Banzai che ci ha dato la spinta per poter uscire dalla cantina, pardon cucina, di casa e diventare una vera redazione. Ad oggi siamo impegnati in 8 fra tutte le attività che girano intorno a GZ, video-ricette comprese, siamo tutti a tempo pieno, anzi pienissimo, completamente dedicati a GZ. Oltre al sottoscritto, tuttofare, organizzatore, seo, ecc. ecc., a Julien, programmatore, webmaster e sistemista, e a Sonia che è la nostra donna immagine, con noi collaborano: Anna, assistente di Sonia, giornalista, lei si occupa di organizzare e programmare le riprese, gestisce tutte le spedizioni delle newsletter e si occupa delle numerose domande che vengono poste nei commenti delle ricette; Deborah, community manager, lei gestisce la comunità del forum, si occupa anche della pagina dei fans di Sonia su Facebook, la quale avendo oltre 16.000 fans è diventata un impegno a tempo pieno, aiuta quindi Sonia nel rispondere alle numerose domande poste dai suoi fans; Gaia, materialmente aiuta Sonia in cucina realizzando in genere le foto ricette; Martina, anche lei impegnata sul forum si sta ora occupando di seguire la nascente community di blogger basata su wordpress, in pratica l’obiettivo è di raggruppare tutti i blog di cucina sotto la nostra piattaforma GZ; Giampiero, è l’uomo della post produzione, lui si occupa di montare le video-ricette e organizza anche le traduttrici che danno la voce a Sonia per le versioni Inglese e spagnola dei canali YouTube. In arrivo una traduttrice per trasformare il sito in Inglese e per aumentare il numero di video-ricette prodotte in quella lingua.

3. Ho visto che sfruttate diversi canali del web (sito, blog, forum, YouTube, social network, …): è un approccio che vi siete inventati o avete preso come riferimento altri siti simili, magari dall’estero?

Bella domanda. GZ è stato, ed è, un apripista in Italia; prima del nostro arrivo esistevano decine e decine di siti di ricette ma tutti rigorosamente senza foto, esistevano i blog con bellissime foto ma a volte con preparazioni non replicabili con ingredienti semisconosciuti. Anche all’estero non esiste niente di simile, o comunque qualche sito ha delle caratteristiche simili, ma trovare tutto sotto un unico sito è impossibile. Siamo stati quindi costretti a studiarci una formula, adattarla via via alle esigenze, fino ad arrivare a quello che vedi oggi.

4.  Avete anche altre attività collegate fuori dal web, tipo scuola di cucina, servizio di ristorazione o catering, ecc. ?

Attualmente Sonia sta collaborando con una scuola di cucina dove tiene anche dei corsi, sempre frequentatissimi anche grazie all’immensa spinta data da Facebook.

5.  Che numeri di visitatori  generate sui vostri canali?

In questa stagione dove gli utenti non hanno in testa solo la cucina, abbiamo un traffico medio di 80k utenti unici giornalieri, mentre su YouTube, compresi i canali esteri, abbiamo circa 60/70 k visualizzazioni giornaliere dei nostri video.

6.  Vendete spazi di comunicazione alle aziende, vi finanziate solo in questo modo o avete anche altri introiti? I ricavi sono sufficienti coprire i costi?

L’agenzia pubblicitaria fa parte del gruppo, quindi necessariamente crede molto in noi, in ogni caso, si viviamo solo di questo. In aggiunta abbiamo Adsense che sta portando buoni risultati, e molto promettente è YouTube, specialmente con i canali in lingua. Su questi contiamo di ottenere un vero e proprio secondo canale serio di entrate economiche.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Share

Altri articoli sull'argomento:

  1. Julie & Julia e il successo dei blog
  2. The Sartorialist, blog o realtà?
  3. Where the hell is Matt?
  4. Shopping online, solo su invito.
  5. Nel loro piccolo anche i blogger si arrabbiano: aziende e cattive relazioni con i blogger.